PROGRAMMA DIDATTICO DELLA SCUOLA

La scuola “Tempo di Mezzo” è strutturata su tre livelli: Primo Livello (Base), Secondo Livello (Intermedio) e Terzo Livello (Avanzato) ognuno dei quali deve essere frequentato per un minimo di uno e un massimo di due anni.
Una volta terminato il Secondo Livello, l’allievo può fare richiesta di accesso al corso di Long a cui è possibile accedere solo su selezione del direttore artistico della scuola.
Qui di seguito è possibile visionare i programmi di massima dei vari livelli che possono subire lievi variazioni, come possono variare il numero di spettacoli a cui gli allievi possono partecipare durante l’anno.


PROGRAMMA DEL PRIMO LIVELLO (BASE)

L’obiettivo del primo livello di corso è quello di sviluppare nell’allievo le capacità di ascolto, reazione e fiducia per la messa in scena dei primi game di improvvisazione teatrale e delle prime scene libere.

Argomenti di studio:
– Ascolto e fiducia
– Azione e reazione
– Il personaggio
– Le emozioni
– Elementi di narrazione
– La piattaforma improvvisativa
– Il micromondo
– Modulo teatrale di “Movimento Scenico”
– Modulo teatrale di “Fonetica e Voce”

Game: (una selezione dei seguenti)
 Storia infinita
– Dottor so tutto

– Album fotografico
– Limitazioni con le vocali
– Taxi emozionale
– Quadrato svedese
– Mille modi di
– Dal gramelot all’italiano
– Scambio di personaggi
– Dichiarazione d’amore
– Boom
– Improstop
– Morti in scena
– Atmosfere musicali

Spettacoli:
– Grand Finale (a fine corso)


PROGRAMMA DEL SECONDO LIVELLO (INTERMEDIO)

L’obiettivo del secondo livello è quello di permettere agli allievi di poter realizzare dei game avanzati e delle scene libere complesse, attraverso lo studio approfondito degli elementi di narrazione avanzata e dei cambiscena.
Si studieranno inoltre anche almeno due generi di narrazione a scelta tra horror, western e fantascienza.
Gli allievi del secondo livello avranno la possibilità di mettere in scena quanto appreso attraverso la partecipazione allo spettacolo Arena Impro e attraverso un format specifico per il Grand Finale di fine anno.

Argomenti di studio:
– Cambi Scena
(out&in, cinematografico, touch&go)

– Narrazione avanzata
– Approfondimento sul personaggio
– La definizione del protagonista
– Obiettivi e conflitti
– I giochi interni alla scena
– Modulo teatrale di “Movimento Scenico”
– Modulo teatrale di “Fonetica e Voce”

Game: (una selezione dei seguenti)
– Di più di meno
– Oppure normale e in rima
– Se capisci cosa intendo
– Spazi Emozionali
– Telecronaca
– Fiaba a scalare
– Acrostico
– Ari Ari O
– Accusa e difesa
– Dialetti
– Cantalo
– Parole dal Pubblico
– Survivor
– Porte girevoli

Generi (almeno due tra i seguenti generi):
– Horror
– Western
– Fantascienza

Spettacoli:
– Crazy Christmas Improv Show
– Arena Impro
– Grand Finale


PROGRAMMA DEL TERZO LIVELLO (AVANZATO)

L’obiettivo del terzo livello è quello di permettere agli allievi di portare in scena delle storie narrativamente complesse attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici avanzati.
Lo scopo è quindi quello di mettere in scena almeno uno spettacolo ispirato al format Harold, in cui diverse scene si legano tra di loro attraverso particolari cambi-scena chiamati “transizioni”.
Si studieranno inoltre almeno due generi di narrazione a scelta tra noir, favola, onirico-surreale e romantico.

Argomenti di studio:
– Il narratore
– Flashback
– Transizioni
– Fuochi narrativi
– Relazioni
– Baci e schiaffi
– Monologhi

– Status
– Approfondimento su obiettivi e conflitti
– Verticale del personaggio
– Spazio Scenico
– Harold
– Modulo teatrale di “Movimento Scenico”
– Modulo teatrale di “Fonetica e Voce”

Generi: (almeno due tra i seguenti)
– Favola
– Noir
– Onirico e Surreale
– Romantico

Spettacoli:
– Spettacoli di apertura su convocazione
– Crazy Christmas Improv Show
– Spettacolo basato sul format Harold
– Arena Impro

– Grand Finale


FORMAZIONE AVANZATA PER LA LONG

Il corso “Long” è riservato agli allievi che hanno completato almeno i primi due livelli della scuola (base e intermedio).
Il corso prevede un massimo di 10 iscritti e si accede tramite richiesta e su valutazione e accettazione da parte del direttore artistico.
Il corso ha l’obiettivo di approfondire gli strumenti dell’improvvisatore teatrale e di acquisirne di nuovi, per poter poi portare in scena durante l’anno almeno due spettacoli di long-form attraverso lo studio e la creazione di format ad hoc.

Argomenti di studio:
– Struttura della long-form
– Narrazione avanzata
– Approfondimento delle relazioni
– Spazio scenico creativo
– Strumenti avanzati di improvvisazione teatrale
– Lavoro creativo sul format